Bibbia Letterale

Bibbia Traduzione Letterale

Perché una traduzione letterale



Caso quasi unico nella letteratura mondiale, la Bibbia non è mai riuscita a separare la fase della traduzione da quella dell’interpretazione. Probabilmente per l’ambiguità e per la mutabilità del contenuto, da sempre i traduttori hanno provveduto a inserire la loro interpretazione del testo spacciandola per autentica, non disturbandosi di riportare le proprie scelte interpretative, ma piuttosto aggiungendo note che allontanano ancora di più il significato dal testo originale: è in effetti caratteristica specifica in ambito cristiano l’iniezione di contenuti del nuovo testamento o addirittura di speculazioni teologiche successive nel testo come lo spirito santo o le profezie.

A questo si aggiunge la altrettanto particolare caratteristica di essere questo uno dei libri più venduti, ma meno letti, tra quanti mai stampati. Cosa che ha indotto i credenti a credere che il testo sia opera di Dio ma senza conoscerne assolutamente il contenuto: tanto che c'è gente anche di cultura che immagina la Genesi inizi con Vangelo di Giovanni, oppure che sia descritta la ribellione di Satana a Dio e la sua caduta negli inferi.

In quest'opera, seguendo l'ispirazione di
Mauro Biglino, provvediamo invece a tradurre la Bibbia letteralmente e a presentare ogni libro individualmente per facilitare la fruizione.
La regola generale per i termini
non standard è che, ove una parola ebraica è presente in una singola istanza, oppure in parti diverse con significati diversi, o ancora nel caso che una qualsiasi traduzione potrebbe introdurre nel lettore un bias indesiderato, la decisione è quella di lasciare la parola in un originale fonetico in forma analoga alla versione di BibleHub, per uniformità. Questo è il caso ad esempio di: ‘ĕ·lō·hîm, Yah·weh, Šad·day, ‘El·yō·wn, Rū·aḥ, Kā·ḇō·wḏ, Mal·’aḵ.
Le persone di nomi, aggettivi e verbi seguono scrupolosamente l’originale ebraico, anche riguardo termini controversi come ‘ĕ·lō·hîm, Šad·day, ’Êl, senza risolvere arbitrariamente le contraddizioni. Il genere degli articoli e aggettivi resi in ebraico viene associato al genere del termine ebraico, e non a quello di una delle traduzioni in italiano; questo può naturalmente portare a ulteriori discrepanze del testo rispetto le traduzioni clericali. Nel caso particolare di ‘ĕ·lō·hîm, quando preceduto da articolo determinativo, si è deciso di renderlo sempre come ‘gli ‘ĕ·lō·hîm’, anche quando il termine regge un verbo al singolare. La soluzione appare quasi altrettanto insoddisfacente quanto coniugare l’articolo col verbo, per usare l’aggettivo singolare solo con il verbo al singolare, es. ‘l’‘ĕ·lō·hîm’, e in tutti gli alti casi al plurale, es. gli ‘ĕ·lō·hîm’, ma riteniamo la forma uniforme decisa essere preferibile dal punto di vista della leggibilità e dell’obiettività. Potete trovare maggiori informazioni nella pagina che riporta la semplice grammatica usata nella traduzione.


N.B. La fruizione delle opere è esclusivamente possibile su dispositivi Apple©, quali: iPad©, iPhone©, Mac©, iPod Touch©, gli unici che attualmente supportino il formato iBook che offre la necessaria modalità per la loro fruizione ottimale e possibile, data la complessità dei testi. Ricordo a chi non abbia dispostivi Apple © che un iPod Touch usato costa poche decine di Euro, a meno che non si decida di passare con profitto all'ambiente Apple per tutti gli usi informativi. NOTA: il Pentateuco è ora disponibile anche in formato Kindle.

Il sito fa esclusivamente uso di cookie per le analitiche di Google, non mantenendo alcuna informazione identificativa sul sito. Da tenere in considerazione che le opere riferite sono solo accessibili medianti dispositivi Apple© che supportino il formato iBook © e, momentanemante solo per il Pentateuco, anche per il formato Kindle© sullo Store Amazon© .